domenica 30 maggio 2010

Programma Settimana 31Maggio - 6 Giugno


Si ferma sul ferro la rimonta del Pool in gara 2, il Follo impatta la serie. Martedi 1 Giugno gara 3 a Loano alle 21.

Finale promozione Serie C Liguria - Gara 2

OpenSpace Basket Follo-Azimut Basket Pool Loano 77-76
(28-17; 19-15; 17-28; 13-16)

Basket Follo:
Carpani 2, Seminara 16, Fontana 24, Orsini 5, Bambini 4, Bruni 12, Bellavista 10, Battista n.e., Lo Torto 3, Benevelli All. Bonanni

Azimut Basket Pool Loano:
Cainero 9, Ciarlo 25, Bussone, Mangione 21, Bovone 9, Scala 3,Volpi 5, Penè 4, Jasinsky n.e., Mozzi n.e. All Costagliola Ass. All. Guarnieri-Costa

Arbitri: Gatto-Pau

Nella gara 2 di finale promozione si spegne sul ferro il tiro da tre di Marcello Mangione ed a nulla serve il successivo canestro su rimbalzo di Bovone. Termina su quest'ultima azione il tentativo di rimonta del Pool, iniziato a fine secondo quarto e quasi completato nella ripresa.
I bianconeri pagano l'avvio veemente dei locali che scaricano tutta la rabbia e l'energia compressa accumulata dopo la sconfitta di gara uno. Si accende subito Bellavista che sigla otto dei primi dodici punti tra i suoi, lo seguono a ruota Fontana e Seminara. Il pubblico di Follo spinge i propri atleti ed i loanesi sbandano, facendo fatica questa volta a trovare la quadra difensiva. E' Mangione a tenere su i propri compagni con dieci punti in un primo quarto che si chiude sul punteggio di 28-17. L'onda spezzina non si placa nel secondo parziale, Seminara "semina" scompiglio con le sue penetrazioni nell'area avversaria mentre i bianconeri fanno fatica a trovare solidi punti di riferimento in attacco, il tabellone segna il 40 -19 con un parziale devastante a favore dei padroni di casa. I bianconeri non mollano però e prima con Cainero poi con la prima tripla di Ciarlo risalgono al 47-32 di fine primo tempo. La ripresa si apre con un canestro di Bovone (47-34) ma sono ancora Seminara e Fontana a punire cinicamente le disattenzioni della difesa ponentina (51-34). Il cuore Pool però non smette mai di pulsare e la coppia Ciarlo&Cainero trascina sulle proprie le spalle i compagni. Anche Penè con quattro punti inizia a dare segnali di vita nella partita siglando quattro punti in attacco e smazzolando stoppate in difesa. Il divario torna sotto la decina di punti di svantaggio prima che Mangione esca nuovamente dalla panchina per piazzare prima una tripla e poi una schiacciata su palla recuperata (64-58). Due tiri liberi di Ciarlo chiudono il quarto e completano quasi del tutto la rimonta.
Nell'ultimo giro di lancette la partita si fa sempre più spigolosa, la palestra di via Militare diventa un catino ribollente di tifo e gli arbitri fanno decisamente fatica a mantenere il controllo della gara. La partita prosegue punto a punto, i loanesi danno l'impressione di poter mettere il naso avanti ma è Fontana a ricacciarli sempre indietro. A tre minuti e mezzo dalla fine sul 71-69 sono letali due ingenuità di Cainero che prima perde un pallone per un facile canestro di Bruni in contropiede (73-69) e poi regala con un fallo due tiri liberi ad Orsini che dalla linea della carità ringrazia (75-69). Il Pool non muore. Volpi con uno dei suoi tiri ignoranti porta a -3 i suoi (75-72), la difesa loanese questa volta tiene ma i bianconeri sprecano in attacco due possessi per riavvicinarsi ancora. A 40 secondi dalla fine Bovone sigla il 75-74 ma nell'azione successiva e' il pivot Carpani, da poco entrato in gara, con una penetrazione dalla posizione di ala a battere nell'uno contro uno Penè e siglare il canestro decisivo della gara.
Al termine grande fair play di entrambe le tifoserie che hanno tributato il giusto plauso ai propri beniamini, autori di una gara vibrante per l'intensità agonistica profusa.

Questo il commento di coach Costagliola al termine della gara:
"L'obiettivo di cercare di vincere una delle prime due gare fuori è stato centrato. Nonostante le prossime due partite siano da disputare a Loano gli uomini di coach Bonanni, tuttavia, restano i favoriti per la vittoria finale in virtù di esperienza e qualità tecniche certamente superiori alle nostre. Noi, come dimostrato anche stasera, abbiamo però un cuore grande, immenso.
Questa forza ci ha già permesso di realizzare l'inimmaginabile e concretizzare il sogno di arrivare in questa finale. Questa forza ci potrà dare la spinta per superare altri ostacoli. Al pubblico di Loano anticipo che non si tratterà di presenziare ad una recita teatrale ma di assistere ad una battaglia tra gladiatori, quindi chiedo di loro di lasciarsi coinvolgere emotivamente dall'avvenimento perchè questi ragazzi meritano ogni più ampio sostegno!!!"

La serie, dunque, si sposta a Loano dove verranno disputate gara 3 Martedi 1 Giugno e gara 4 Sabato 5 Giugno, entrambe con orario di inizio alle 21. In occasione di gara 3 è previsto l'arrivo di due bus di sostenitori da Follo e si preannuncia il pienone al palazzetto di via Matteotti.

venerdì 28 maggio 2010

Si chiude la coppa Liguria U17 per gli under 15,ora l'attenzione si concentra sull'interzona di Veroli!

Si conclude con un bilancio di 3 vittorie ed una sconfitta l’avventura del Pool 2000 U15 nella sua prima esperienza sottoleva nella Coppa Liguria U17. Fatale ai loanesi è stata la prima partita contro il PalaDonBosco forte formazione classe ’94 che ha fatto valere la maggiore abitudine alla categoria superiore. Nel corso del girone i bianconeri sono stati rinforzati dalla presenza a rotazione di Villa e Torrini dell’Athletic Genova, dagli U17 Guida, Ferrari e Gelmini in recupero da un infortunio ed hanno potuto utilizzare la manifestazione per sopperire alle difficoltà di allenamento per i contemporanei impegni delle squadre U17 e U14 che attingono molti giocatori dal gruppo U15. E’ stato inoltre possibile introdurre l’utilizzo della zona e dare spazio a giocatori meno utilizzati nel corso della parte finale della stagione. Dopo la sconfitta all’esordio facile successo casalingo contro il Basket Pegli, impegnativa vittoria in trasferta sul campo del CFFS Cogoleto e vittoria anche nell’ultima partita a Cairo con menzione per Guida cautore di 30 punti ed una schiacciata a difesa schierata. Di seguito i tabellin i dei 4 incontri.

Don Bosco - Pool 2000 Loano 74-71 (23-16\14-21\18-18\19-16)

Don Bosco: Calvia 2, Foligno, Frisone 5, Zenobio 5, Ndoci 16, Maladorni 2, Carlini N.E., Giulianotti 11, Fantoni 17, Martinelli N.E., Quaretti 16, Caminati N.E. All.Pezzi\Carraro

Pool 2000 Loano: Tulumello, Bedini 4, Lagana'14, Malco 6, Minazzo 2, Torrini 4, Prato 17, Villa 11, Kotopulis Ostinelli 2, Servillo 11. All. Prati

CFFS Cogoleto \ Pool 2000 Loano 60-70 ( 10/19-17/15-17/19-16/17)

Cogoleto: Rogledi, Carossino, Bisio 4, Bernardis 5, Nani 15, Anania, Bongiovanni, Bruzzone 19, Noceti 2, Giacopelli, Settimo 15, Traverso.

Pool 2000 Loano : Tulumello, Bedini 4, Lagana'11, Torrini 11, Malco 3, Minazzo, Villa 12, Prato 8, Guida 6, Kotopulis Stinelli 4, Servillo 11. . All. Prati

Pool 2000 Loano – Basket Pegli 115-34 (31-6\29-7\32-9\23-12)

Pool 2000 Loano: Tulumello 11, Bedini 8, Lagana'14, Gelmini 29, Ferrari 2, Minazzo 7, Prato 7, Guida 19, Servillo 16. All. Prati

Basket Pegli: Mazzorana 9, De Stefano 10, Basile 2, Giraudi, Toso 7, Carbone, Fonzi 4, Loi, Cazzola 2, Olivetti, Portale. All. Daga – Mazzorana

Basket Cairo - Pool 2000 Loano 40-112 (16-21\10-22\10-36\4-33)

Pool 2000 Loano: Tulumello 18, Bedini 18, Lagana'4, Malco 15, Minazzo 11, Guida 30, Kotopulis 16. All. Prati

Basket Cairo: Bocchiardo, Giardini 8, Battaglino, Giribaldo 8, Zucco, Galvagno 3, Solagna, Gentili, Sismondi 11, Dessiatski 10, Bellato.

..anche gli Under 14 in finale regionale!!!

Basket Pool 2000 - Pegli 85-62 (20-13 /36-27 /61-44 /85-62)

Basket Pool 2000: Lanfranco 1,Mannino ,Vigneri 4,Cacace 34 ,Cerutti 13,Vlashi ,Spandonari 13,Treppo 2,Tortarolo ,Garofalo 18,Brunetto.
All: Bortolotti

Pegli: Costa ,Salvo 3,Nicoletti 15,Patrone 16,Danovaro 2,Beltrami ,Mazprana ,Daga 10,Bracchetto ,Grillo 11,Ottonello 5.
All: Re

Gli Under 14 del Pool vincono anche la gara di ritorno contro Pegli e volano in finale. La partita si è rivelata molto equilibrata per tutta la durata del primo tempo, entrambe le squadre hanno giocato in maniera molto aggressiva in difesa e la velocità del gioco ha prodotto numerosi errori di imprecisione in attacco. Il primo tempo si chiudeva sul punteggio di 36-27 a favore dei padroni di casa che all'inizio del terzo parziale sono partiti in maniera decisa ed hanno provato a cambiare il ritmo della gara. E' stato un Cacace molto motivato a trascinare i propri compagni al break decisivo che li ha portati al massimo vantaggio sul 61-44.
Nell'ultimo giro di lancetti i genovesi hanno tentato il recupero con il trio Nicoletti-Daga-Patrone ma alla fine i locali dopo aver tamponato qualche problema in difesa hanno chiuso facilmente l'incontro sul punteggio di 85-62 ed adesso attendono la vincente della serie tra Granarolo Genova e Pro Recco per conoscere la sfidante al titolo regionale.

giovedì 27 maggio 2010

Il Pool passa a Follo e si porta sull' 1 a 0 nella serie. Sabato si replica per gara 2.

Finale Promozione Serie C Liguria - Gara 1

Open Space Follo – Azimut Pool 2000 Loano 60-73 (20-21, 31-41, 48-57)

Open Space Follo: Seminara 14, Fontana 5, Bambini 16, Bellavista 13, Lotorto 2, Orsini 2, Bruni 8, Carpani, Battista n.e., Benevelli n.e. . All. Bonanni

Pool 2000 Loano:Cainero 8, Ciarlo 14, Bussone, Mangione 10, Bovone 10, Scala 5, Volpi 11, Penè 15, Jasinski n.e., Mozzi n.e. . All.Costagliola Ass. All. Guarnieri-Costa
Arbitri: Bracco-Ferrari (Ge)

Inizia per il verso giusto la serie di finale promozione per i ragazzi cari al Presidente Dellacasa. I bianconeri danno seguito alle due vittorie in trasferta contro Sarzana e colgono la terza vittoria consecutiva, quarta fuori dalle mura amiche considerando anche il successo nel quarto di finale contro Granarolo.
I loanesi però iniziano in maniera contratta, Bambini e Seminara per i locali provocano subito un 7 a 2 di parziale. Scala e Mangione vengono sanzionati presto con due falli e coach Costagliola deve ricorrere già al quarto minuto di gioco alle rotazioni. Teo Volpi e Pippo Cainero escono caldi e senza timore dalla panchina, una tripla del primo, una da distanza siderale di Ciarlo riportano l'incontro sui binari dell'equilibrio. In chiusura di quarto sei punti consecutivi di Cainero segnano il 20-21 di chiusura quarto. L'inerzia a favore dei bianconeri prosegue nel secondo parziale, una tripla dall'angolo di Volpi ed quattro punti di Penè cercato con costanza dai propri compagni sui giochi a due allargano il parziale che viene chiuso da una tripla ignorante di Volpi (20-31). Coach Bonanni è costretto alla sospensione e decide di abbassare il quintetto, i bianconeri hanno un momento di sbandamento nel riconoscere la diversa situazione tattica. Gli spezzini approfittano del momento di disorientamento e prima sbloccano la situazione con una zingarata di Seminara poi mettono a segno un 8/10 liberi dalla lunetta che li riporta lentamente sul 31-32. Lo staff tecnico loanese frena l'emorragia contro la zona, Loano ritrova struttura e Penè sigla il 31-34 su assist di Mangione.Una tripla di Cainero e quattro punti consecutivi di un ottimo Bovone fissano il punteggio sul 31-41 alla fine del primo tempo.
La ripresa delle ostilità si apre ancora con una tripla di Ciarlo dai 7 metri (31-44) ma in tre minuti straripa il fiume Magra. Bambini da tre, Seminara con due penetrazioni e una tripla di un sempiterno Bellavista dall'angolo chudono un parziale di 11 a 0 per i locali (42-44). Loano chiama sospensione, coach Costagliola scarica adrenalina sulla squadra ed i frutti non tardano ad arrivare. Mangione si inventa una tripla dopo un gioco a due, Bovone lo segue con uno slalom dei suoi nell'aria pitturata(42-49). La partita si fa fisica e con le due squadre già a bonus falli la gara si trasferisce sulla linea della carità. Il terzo quarto si chiude sul 48-57 ancora per il Pool. Nell'ultimo parziale i bianconeri assumono definitivamente il controllo della gara ed a nulla servono i cambi di difesa sistematici operati da coach Bonanni. Bellavista è un gladiatore ed è l'ultimo ad arrendersi per i suoi ma Penè è sempre più un monumento sotto le plance sia in attacco che in difesa. Scala, superata la confusione dei primi due giri di rotazione, inizia a dare il suo solito apporto in termini di rimbalzi, difesa e canestri e per il Pool la strada si fa decisamente in discesa. Ad un minuto dalla fine sul punteggio di 60-73 e risultato acquisito, gesto di grande maturità dei locali che alzano bandiera bianca, rinunciano al fallo sistematico e rinnovano la propria sfida a sabato 29 per la seconda gara in casa della serie quando ci sarà per i bianconeri da sudare ancora di più delle classiche sette canotte.
"Come dichiarato prima dell'inizio della serie - commenta coach Costagliola - dobbiamo vivere questa finale come un'ulteriore occasione di confronto e crescita. Logico che inseguiamo il risultato e ci fa piacer aver iniziato con il piede giusto ma visto che abbiamo fatto e ripetuto ancora molti errori dobbiamo concentrare le nostre attenzioni su questi. Nei prossimi giorni lavoreremo su questi particolari prima di affrontare una gara due che si preannuncia durissima!!!"
L'appuntamento, dunque, per gli appassionati sempre più calorosi ed entusiasti del cammino di questi ragazzi per gara 2 della serie è per Sabato 29 Maggio alle ore 21 nuovamente in riva al Magra presso la Palestra di Via Militare a Romito.

martedì 25 maggio 2010

Inizia domani alle ore 21 a Follo la serie di finale promozione per la serie C.

In questo 2010 sino ad adesso miracoloso le finali non finiscono mai in casa Pool Loano.
Nell'attesa che i ragazzi dell'under 14 di coach Bortolotti arrivino anch'essi al traguardo della finale regionale di categoria (palla a due oggi alle ore 18.15 al Palazzetto per gara 2 di semifinale contro Pegli), inizia domani la serie conclusiva per i ragazzi della serie C contro Follo, sicuramente quella meno aspettata ma adesso più attesa.
I bianconeri scenderanno in campo alle ore 21 nella palestra di Via Militare di Romito Magra, ad attenderli i biancoblu di coach Bonanni che in una serie di semifinale molto equilibrata hanno superato in gara 3 i cugini dello Spezia per 79-63. In precedenza gli spezzini avevano superato nei quarti in due semplici gare l'Aurora Chiavari ed avevano chiuso la regular season al primo posto con un bilancio di 23 partite vinte e solamente 3 perse. Contro i loanesi in entrambi i casi i biancoblu sono riusciti a strappare la vittoria con tre lunghezze di vantaggio (72-69 nell'andata a Loano in Ottobre , 65-62 nella gara di ritorno giocata a Gennaio) dimostrando sempre maggiore esperienza e tenuta mentale nei momenti decisivi degli incontri.
L'ambizioso presidente Amadori quest'anno ha costruito un roster con l'obiettivo dichiarato di puntare alla promozione e riportare Follo sul palcoscenico dei campionati nazionali dopo alcuni anni di oblio. Per raggiungere l'obiettivo si è affidato alla sagacia tattica ed alla verve comunicativa di coach Eugenio Bonanni oltre che all'esperienza del suo uomo più carismatico Carlo Bellavista,ala pivot dalla mano dolcissima e dal carattere leonino, stella per più di un decennio dei campionati di B e C nazionale. Accanto a lui il trio Seminara, Orsini e Bambini - quest'ultimo con discrete esperienze anche in B2 in giro per l'Italia - forma un reparto esterni dal giusto mix di atletismo, imprevedibilità e razionalità. A febbraio, dopo il taglio del pivot di 207 cm Ivan Brioschi, a rinforzare la squadra del Magra è arrivato alla corte del presidente Amadori l'ala Iacopo Fontana, tiratore livornese mortifero, che negli ultimi tre mesi ha sforacchiato le retine di tutta la Liguria andando spesso oltre i 20 punti a partita. A completare la rotazione nel gruppo spezzino l'esperto pivot Lotorto, cuore e fisico da ragazzino a dispetto dell'età, l'ala-pivot Carpani ed il play guardia Bruni, lottatori e uomini squadra sempre pronti a dare una mano ai compagni nel corso della gara. Rimarrà fuori dalla serie finale invece l'ala Bonanni, vittima di un serio infortunio in gara 2 di semifinale contro Spezia.
I bianconeri, dopo la vittoria in gara 3 di semifinale contro Sarzana, hanno ripreso l'attività Venerdi dove hanno svolto un leggero richiamo atletico con il preparatore Guarnieri mentre questa sera svolgeranno la rifinitura tattica agli ordini di coach Costagliola e del suo assistente Costa. Tutti a disposizione per lo staff tecnico loanese, si segnala esclusivamente un leggero affaticamento per Luca Scala reduce dagli impegni all'interzona nel fine settimana con i suoi coetanei under 17.
I ragazzi cari al Presidente Dellacasa si avvicinano a questo impegno con il giusto spirito e buona dose di entusiasmo, equilibrio emotivo che ha contraddistinto tutta l'annata.
L'appuntamento per tutti gli appassionati, la speranza è che siano davvero tanti, è per Mercoledi 26 Maggio e Sabato 29 alle ore 21 per seguire i primi due incontri in trasferta nello spezzino mentre è per il 1 Giugno alle ore 21 per rivedere all'opera i bianconeri al palazzetto di via Matteotti.
Questo il calendario della serie finale che si ricorda è al meglio delle 5 gare ed assegnerà l'unica promozione al campionato nazionale di C Dilettanti:

Gara 1 - Mercoledi 26 Maggio ore 21 - Palestra Via Militare - Romito Magra
Gara 2 - Sabato 29 Maggio ore 21 - Palestra Via Militare - Romito Magra
Gara 3 - Martedi 1 Giugno ore 21 - Palazzetto Via Matteotti - Loano
ev. Gara 4 Sabato 5 Giugno ore 21 -Palazzetto Via Matteotti - Loano
ev. Gara 5 Mercoledi 9 Giugno ore 21 - Palestra Via Militare - Romito Magra

Il commento all'interzona di Cecina degli under 17.

Finisce con un bilancio di tre sconfitte l'interzona di Cecina per i ragazzi Under 17 del Pool 2000. Il livello delle avversarie si è dimostrato troppo alto per i bianconeri che comunque sono riusciti nella tre giorni ad impensierire Pordenone e Caserta prima di alzare bandiera bianca dinanzi alla corazzata Fortitudo Bologna.
Nel primo giorno i ragazzi del duo Costagliola- Costa sono rimasti in gara sino a 3 minuti dalla fine quando sotto di 5 punti sono stati castigati da due triple di Ughi e Bellinvia. Quest'ultimo, a sorpresa, si è rivelato il match winner della gara con 23 punti e 9/9 al tiro con quattro triple. I bianconeri erano riusciti ad imbrigliare bene i talentuosi esterni nel giro della nazionale Varuzza e Ciman ma hanno pagato la maggiore qualità dell'intero collettivo friulano che ha chiuso con ben 5 uomini in doppia cifra. Tra i loanesi solita prova di concretezza,efficacia e grinta di Luca Scala ben supportato da Riccardo Rotolo all'inizio gara e Davide Morana successivamente.
Nella seconda giornata i liguri hanno provato a gettare il cuore oltre l'ostacolo contro la Pepsi JuveCaserta. Decisivo è stato il break di 11-0 a favore dei campani prodotto negli ultimi due minuti del primo quarto, da quel momento è iniziata una gara ad handicap per recuperare lo svantaggio da parte dei loanesi. A tre minuti dalla fine ancora una volta Scala e compagni erano sotto di 6 punti ma a quel punto sono mancate le forze e la lucidità per compiere il sorpasso finale. Accanto a Scala brillante la prestazione della guardia Sergio Gelmini, tornato disponibile a tutti gli effetti solo una settimana prima dell'interzona grazie all'ottimo lavoro svolto dallo staff medico loanese. Per i campani si sono messi in evidenza per via delle loro capacità fisiche il duo Porfido-Cefarelli oltre che i piccoli Cucco e Bencivenga, esterni di grande leadership e tecnica.
Chiusura con motivazioni non legate alla classifica nella terza giornata. Con i giochi già fatti lo staff tecnico ha deciso di non rischiare Luca Scala, impegnato da mercoledi nella serie di finale promozione con la prima squadra, e dare spazio a tutti gli effettivi a disposizione. Positiva la prestazione di Ferrari che ha tenuto il campo con personalità mettendo a segno due triple, di Rotolo e dei due baby del gruppo classe 95' Prato e Servillo che hanno accumulato importanti minuti di esperienza che sicuramente torneranno utili nel prossimo futuro. I bolognesi, viceversa, hanno messo in mostra un roster dalla struttura fisica impressionante con le stelle Chillo, Fantinelli ed Azzaro, nomi di cui sentiremo parlare in futuro.

Ecco il commento di chiusura di coach Costagliola:
"Per i nostri limiti di cui eravamo totalmente consapevoli abbiamo fatto anche bene, nelle prime due giornate siamo rimasti in gara praticamente sino alla fine cercando di fare leva sul cuore e sul coraggio A questi livelli però sono qualità che non bastano perchè contano anche quelle fisiche e tecniche. A Cecina non siamo arrivati al meglio della condizione e delle nostre possibilità ma era prevedibile dopo un anno difficile per via dei tanti infortuni e degli impegni dei ragazzi con le prime squadre che hanno condizionato la gestione dell'intero gruppo."

domenica 23 maggio 2010

Finisce con una sconfitta con la Fortitudo l'interzona di Cecina per gli under 17.

3° giornata Interzona Cecina

Basket Pool 2000 Loano vs Fortitudo Pall. Bologna 52 - 96

Basket Pool 2000: Ferrari 10, Prato, Tassara 2, Ghiretti 2, Gelmini 12, Delfini 3, Scala ne, Rotolo 8, Cascone 10, Morana 5, Servillo, Guida. All. Costagliola di Fiore
Fortitudo Pall. Bologna: Pipitone 7, Chillo 15, Fantinelli 14, Basile 9, Zanellati 6, Baccilieri 11, Martignago 13,Della Torre 7, Azzaro 2, Bianchi 5, Giacometti 5, Demetri 5. All. Ricci

Sistema Basket Pordenone- Pepsi JuveCaserta 71-76

Classifica finale:
1° Fortitudo Bologna 4 punti (+4 diff. canestri)
2°Pepsi Juve Caserta 4 punti (+2 diff. canestri)
3° Sistema Basket Pordenone 4 Punti(-3 diff.canestri)
4°Basket Pool Loano 0 Punti

Fortitudo Bologna e Pepsi Caserta accedono alle finali nazionali in programma a Vasto(Ch) dal 16 al 20 Giugno.

sabato 22 maggio 2010

Finisce a tre minuti dalla fine la rimonta del Pool contro Caserta.

Interzona Cecina - 2° giornata

Azimut Basket Pool Loano-Pepsi Juve Caserta 67-83

Basket Pool Loano:
Ferrari n.e., Prato 4, Tassara 2, Ghiretti 5, Gelmini 2, Delfini n.e., Scala 23, Rotolo 11, Cascone 7, Morana 11, Servillo, Guida n.e., All. Costagliola Ass. All. Costa

Pepsi Juve Caserta:
Belardo, Di Donato, Cucco 17, Testa 11, Porfido 19, Borriello, Cefarelli 13, Benenato 2, Moretti, Rianna 7, Bencivenga 15, Parrillo All. Luise Ass. All. Visconti.

Arbitri: Battisti-Fabiani Parziali 14-27; 23-22; 16-12; 14-22

venerdì 21 maggio 2010

Sconfitta con Pordenone all'esordio per gli under 17 nell'interzona di Cecina.

Interzona Cecina Under 17 Eccellenza

1° giornata

Azimut Basket Pool 2000 Loano - Sistema Basket Pordenone 59-75

Pool Loano:
Ferrari n.e., Prato, Tassara 3, Ghiretti 7, Gelmini 5, Delfini n.e., Scala 23, Rotolo 6, Cascone 3, Morana 12, Servillo, Guida n.e. All. Costagliola Ass. All. Costa
Sistema Basket Pordenone:
Ciman 10, Del Rizzo, Mack 1, Varuzza 10, Begioi n.e., Bertin 14, Vitolo, Faloppa 2, Ughi 12, Bellinvia 22, Rizzetto 2, Giro All. Romanin Ass. All. Brecciaroli

Arbitri: Solfanelli-Bellucci Parziali: 20-18; 13-9; 21-19; 21-13


Fortitudo Bologna-Pepsi Caserta 76-72

2° giornata
ore 17 Fortitudo Bologna-Sistema Basket Pordenone
ore 19 Pepsi Caserta - Basket Pool 2000

giovedì 20 maggio 2010

Highlights Semifinale C2 Gara 3: Sarzana-Pool

Nel video le migliori azioni di gara 3 di semifinale del Pool a Sarzana.
Si ringrazia Arianna Guarnieri per le riprese effettuate.


video

Impresa Loano, sbancata Sarzana per la seconda volta! E' finale promozione contro Follo.


Semifinale Serie C Liguria - Gara 3

Sarzana Basket - Azimut Basket Pool 2000 Loano 63-78 (12-27; 12-12; 22-19; 17-20)

Sarzana Basket:
Barbieri n.e., Arena, Rocca 10, Stagnari n.e., Moreno 8, Dell'Innocenti 20, Tesconi 9, Bertoloni 3, Larconetti 9, Vernazza n.e. All. Gallerini Aiuto All. Giannetti

Basket Pool 2000 Loano:
Cainero 2, Ciarlo 23, Bussone 3, Mangione 4, Bovone 14, Scala 12, Volpi 6, Penè 14, Morana n.e., Jasinski n.e. All. Costagliola Aiuto All. Guarnieri - Costa

Alzi la mano chi dieci giorni fa credeva ancora nella possibilità di ribaltare la serie. Dopo il pesante 0-2 in stagione e la bastonata inferta da Moreno e compagni nell'ultimo quarto di gara 1, nessuno eccetto loro, i terribili ragazzi cari al Presidente Dellacasa, poteva sognare ancora il ritorno in finale promozione a distanza di un anno.
Facendo leva sul cuore, sull'orgoglio e sulla consapevolezza della bontà del lavoro svolto durante l'anno, i bianconeri hanno compiuto il loro capolavoro espugnando a distanza di quattro giorni il Palazzetto di Piazzale Richetti a Sarzana per la seconda volta consecutiva mostrando la giovane energia ma sopratutto un'autorità da veterani.
Mentre lo staff tecnico loanese confermava starting five e piano partita, sull'altra sponda coach Gallerini cambiava assetto di partenza dando fiducia a Rocca e lasciando fuori Bertoloni.
La gara si apriva con un canestro in penetrazione di Scala e due triple di Ciarlo e Mangione mentre per i locali replicava Dell'Innocenti (2-8). Loano spingeva subito sull'acceleratore e grazie a quattro punti di Bovone aumentava il margine sino al 4-13 del 4° minuto costringendo i locali ad una repentina sospensione ed al cambio di difesa a zona. L'onda Pool era travolgente e continuava ad imperversare e fare danni. Prima Bovone con una tripla concretizzava un'abile assistenza di Mangione poi era Ciarlo a scavare il solco con sette punti filati ed una tripla dall'angolo al termine di un'azione corale strappa applausi (9-25). Il primo quarto si chiudeva prima con un contropiede di Penè trovato al bacio da un assist di un positivissimo Bussone e poi con la tripla di Tesconi (12-27). Dopo la fiammata iniziale a favore degli ospiti la partita viveva una fase di stasi, i bianconeri trovavano difficoltà a fare canestro ma era proprio in questo momento che costruivano la loro seconda vittoria esterna sulle fondamenta di una difesa solida ed attenta. L'argentino Moreno, implacabile killer nelle partite di regular season, continuava a sparacchiare dalla distanza facendo il gioco dei loanesi mentre gli unici problemi al fortino bianconero erano provocati dal gioco fisico vicino canestro delle due ali Bertoloni e Rocca.
Il primo tempo si chiudeva sul 24-39 per il Pool.
Nel terzo parziale l'avvio sarzanese era veemente, una tripla di Larconetti chiudeva un parziale di 6-0 che riportava i suoi sotto le dieci lunghezze di vantaggio(30-39) ma era ancora Bovone, prima con un taglio back door lungo la linea di fondo poi con un'invenzione, a ricacciare indietro i locali (30-43). I bianconeri riprendevano l'inerzia della gara ed il punteggio andava per un pò ad elastico tra le dodici e le sedici lunghezze. Moreno al 26' siglava il suo primo canestro da due ma il fuoco in casa sarzanese veniva subito spento da un tap in a rimbalzo di Penè. Una tripla di Volpi dall'angolo segnava il nuovo massimo vantaggio sul 40-58 prima che Dell'Innocenti in chiusura di quarto accorciasse le distanze (46-58). L'ultimo giro di lancette si apriva con una spettacolare schiacciata di Penè in transizione su assist di Bussone e proseguiva ancora con una tripla di Volpi (46-63) che fungeva praticamente da colpo di grazia alle resistenze locali. I biancoverdi, visibilmente stanchi, troppo presto andavano al bonus ma stavolta le mani dei bianconeri non tremavano dalla linea della carità. I restanti minuti di gara servivano a Moreno a dimostrare le sue immutate doti balistiche con due triple da 9 metri ed a Penè per esibirsi in una nuova squassante schiacciata a zittire gli ululati scorretti del pubblico locale. La sirena suonava sul punteggio finale di 63-78 e dava il via all'esplosione di gioia dei giovani bianconeri, di tutto lo staff e degli appassionati al seguito.

Il Pool arriva cosi per la terza volta consecutiva in finale promozione - nelle precedenti i bianconeri uscirono sconfitti da Santa Margherita (1-3) e lo scorso anno da Ovada ( 1-3) - con i soli Ciarlo, Penè e Volpi reduci attivi di quelle squadre , Di Palma e Bovone completavano infatti il roster da under 19.
Nessuno si sarebbe mai aspettato un exploit simile di una squadra dall'età media cosi giovane eccetto forse chi, coach Massimo Costagliola, all'inizio dell'anno ha avuto l'onore e l'onere di aprire questo nuovo ciclo. Ecco il suo commento a fine gara:
"Mettendoci il cuore e la passione nella vita si possono fare grandi cose. Ci abbiamo sempre creduto anche dopo la sconfitta casalinga costruendo queste due vittorie sulla consapevolezza del buon lavoro svolto durante l'anno e sulla forza del nostro gruppo. Quando in una squadra si creano rapporti di condivisione, stima e fiducia reciproca la sintesi dell'insieme dà dei risultati sempre superiori alla sommatoria di individualità, seppure ottime, slegate tra loro. Noi al Pool crediamo fortemente in questo concetto, io alleno e gestisco avendo sempre come stella polare la visione della totalità piuttosto che quella del singolo, sicuro che l'individuo maturi nella relazione con gli altri e non rimanendo chiuso in se stesso. La crescita dei nostri atleti viaggia su binari paralleli a quella della squadra, l'andamento di questa serie conferma oggettivamente quanto vado affermando. Un plauso infine alla coppia arbitrale, era difficile per allenatori e giocatori mantenere il controllo della gara, figuriamoci per loro. Se la sono cavata egregiamente, voglio sottolineare ciò perchè in Liguria secondo me troppe volte si guardano gli aspetti negativi delle cose piuttosto che quelli positivi, troppo facile criticare meno elogiare.

I bianconeri affronteranno in finale il Basket Follo, primo nella stagione regolare con 23 vittorie e 3 sconfitte, uscita vincitrice in gara 3 contro lo Spezia per 79-63 al termine di una partita combattuta sino a cinque minuti dalla sirena. I ragazzi cari al presidente Dellacasa hanno perso in entrambe le gare di stagione regolare contro la compagine allenata dall'esperto Eugenio Bonanni, il calendario della serie al meglio delle cinque gare ancora deve esser definito ma certo è che le prime due gare verranno giocate nel fortino di Via Militare a Follo mentre la terza e l'eventuale quarta a Loano, con l'eventuale bella ancora nello spezzino.
Sul prossimo ostacolo da superare cosi si esprime ancora il coach sorrentino: "Siamo coerenti con la nostra visione d'insieme anche ad un livello più alto, relativo agli obiettivi di fine stagione. Nel fine settimana saremo impegnati con gli Under 17 nell' interzona di Cecina e con gli Under 14 nella finale del Join The Game Nazionale a Jesolo, sono due occasioni di maturazione per i nostri atleti ugualmente importanti e le attenzioni della società e dei nostri staff saranno concentrate esclusivamente su di esse. Dopo penseremo alla finale con Follo, di certo loro sono i favoriti e devono vincere, noi la vivremo viceversa come un'altra occasione per confrontarci e crescere"


domenica 16 maggio 2010

Il cuore oltre l'ostacolo. Il Pool vince a Sarzana e porta la serie a gara 3 di Mercoledi 19 Maggio!!!


Semifinale Serie C Liguria - gara 2

Sarzana Basket - Azimut Basket Pool 2000 Loano 74-78(16-20; 10-26; 24-15; 24-17)

Sarzana:
Barbieri n.e., Arena n.e., Rocca 4, Stagnari n.e., Moreno 27, Dell'Innocenti 13, Tesconi 13, Bertoloni 6, Larconetti 9, Vernazza n.e., All. Gallerini Aiuto All. Giannetti

Basket Pool 2000 Loano:
Cainero 7, Ciarlo 18, Bussone, Mangione 6, Bovone 14, Scala 18, Volpi 5, Penè 8, Morana n.e., Jasinski n.e. All. Costagliola Ass. All. Guarnieri-Costa

Arbitri : De Angeli-Gatto

Il Pool non molla e con una prestazione di grande forza e carattere riesce a battere per la prima volta in stagione, nell'occasione più importante, i biancoverdi di coach Gallerini.
Lo staff tecnico loanese si presenta al decisivo appuntamento rivoluzionando parzialmente il gruppo, lasciando fuori dai dieci Di Palma e Mozzi e dando spazio in panchina al classe 93' Morana ed al promettente pivot classe 90' di origini polacche Pavel Jasinski, riattivato dopo oltre due anni di assenza per problemi fisici.
Pronti e via e l'argentino Moreno con una tripla fa capire di non subire troppo l'infortunio alla mano patito durante la settimana ( lussazione al dito della mano destra), a rispondergli però ci pensano Scala e Bovone. La difesa loanese questa volta fatica un poco a prendere le misure all'attacco sarzanese ed i due lunghi Larconetti e Bertoloni con dieci punti in due producono il primo strappo sul 16-10 al 7' minuto del primo quarto. Da quel momento inizia un monologo Pool con capitan Ciarlo a dirigere la giovane orchestra bianconera in maniera perfetta. Bovone e Volpi ricuciono e danno il primo vantaggio in chiusura di quarto (16-20), una tripla di Teo Volpi apre il secondo parziale mentre ancora Scala continua ad incidere sui due fronti del campo sigillando Moreno in difesa e piazzando quattro punti in attacco (18-27). I locali cambiano difesa ritornando alla uomo per alcuni minuti ma la variante non ha effetto perchè coach Costagliola trova nelle rotazioni nuova linfa ed energia. Prima Cainero poi Mangione con cinque punti filati a testa allungano il break ospite mentre per i sarzanesi Dell'Innocenti e Tesconi tentano di caricarsi la squadra sulle spalle. Nell'ultima azione di gioco del secondo quarto Moreno gioca in isolamento e sul raddoppio una sua forzatura provoca una palla persa tramutata da Ciarlo in contropiede da un lay up sul fil di sirena. Il primo tempo si chiude cosi sul 26-46 con un parziale di 10-36 in dodici minuti di gioco a cavallo dei due quarti a favore dei bianconeri.
Nella ripresa i sarzanesi partono subito all'assalto, Moreno punisce l'unico errore difensivo di Scala in uscita da blocco con una tripla, poi ne sigla altri due in contropiede. Il Pool non si disunisce e replica colpo su colpo. Uno stratosferico Penè, dominatore per40 minuti dell'area pitturata in difesa ed in attacco, sigla il suo terzo canestro consecutivo con una schiacciata dopo un taglio contro la zona che ammutolisce il catino di Piazzale Richetti, ribollente di un colorato e corretto tifo. Il Pool raggiunge cosi il massimo vantaggio (31-54). I biancoverdi non ci stanno, Tesconi diventa mortifero con la sua mano dalla media e lunga distanza, Moreno inizia ad accentrare il gioco raccogliendo falli e punti sui liberi mentre i bianconeri calano per un attimo l'attenzione e la concentrazione nel gioco. Una palla rubata da Dell'Innocenti provoca il suo canestro del 45-54 chiudendo un break di 13 a 0 per i locali. E' Ciarlo con un arresto e tiro dalla media a bucare nuovamente la retina dopo l'obbligata sospensione (45-56). Moreno con altri cinque punti replica a Scala e trascina i suoi al minor svantaggio della gara (50-58). In chiusura di quarto sull'ultima azione di gioco Ciarlo subisce fallo e Bertoloni fa esplodere la sua rabbia contro gli arbitri auto procurandosi fallo tecnico. Il play cogoletese fa 3 su 4 dalla linea della carità e riporta il vantaggio dei bianconeri in doppia cifra (50-61). Nell'ultimo giro di lancette i ragazzi di coach Costagliola controllano la gara senza troppi patemi, il punteggio va ad elastico tra le 10 e le 14 lunghezze di vantaggio sino a quando Tesconi pesca due triple da transizione ridando fiducia e speranza ai suoi(60-70). Bovone prima fa 0 su 3 dalla lunetta poi trova l'importante canestro del 60-72. Dell'Innocenti a due minuti dalla fine sigla la sua unica tripla di giornata (63-72) dando il via all'arrembaggio dei locali che affidano al fallo sistematico ed alle iniziative di Moreno il tentativo di rimonta. I giovani bianconeri hanno il classico braccino del tennista e accumulano errori su errori dalla lunetta per un totale di 6 su 20 dalla linea dei tiri liberi negli ultimi due minuti di gioco mentre Moreno e Tesconi con due triple riaprono parzialmente i giochi (72-78). A 35 secondi dalla fine Scala pecca di inesperienza nello sprecare su un tentativo di tiro da 3 di Moreno l'ultimo fallo per arrivare al bonus ma l'argentino fa 2 su 3 dalla lunetta (74-78). L'ennesimo 0 su 2 dalla lunetta di Penè, colpito immediatamente a rimbalzo, viene però compensato dall'ultima palla persa di Moreno e cosi i bianconeri possono finalmente festeggiare un' importante vittoria che li porterà a giocare Mercoledi sera alle ore 21 sempre a Sarzana l'accesso alla finale promozione, un obiettivo che all'inizio dell'anno poteva esser solamente sognato.

Questo il commento di coach Costagliola al termine della gara:
"Sono ovviamente contento per la prestazione della squadra e per questo successo che ci permetterà di vivere un'altra serata ricca di emozioni. Mai come stavolta è stata una vittoria del gruppo e del fortissimo legame creatosi tra questi ragazzi. Non è mia abitudine parlare dei singoli ma oggi spendo con piacere due parole per Pavel, un rientro che ha arricchito caratterialmente questa squadra. Dopo oltre due anni lontano dai campi di gioco per un grave disturbo fisico questo ragazzo è tornato ad essere nei dieci per un impegno agonistico. Sono tre mesi che dopo aver ritrovato l'idoneità sportiva agonistica, grazie a umiltà, tenacia e spirito di sacrificio ha fatto di tutto per tornare ad avere una forma accettabile in maniera tale da dare il suo contributo. Leggere la felicità nei suoi occhi mi riempie in modo pari alla gioia per questa vittoria."

L'appuntamento per gli appassionati, pochi ma caldissimi e rumorosi nella gara giocata Sabato, dunque è per Mercoledi 19 Maggio alle ore 21 a Sarzana.

giovedì 13 maggio 2010

Il saluto di Gigi Coulibaly: Date sempre il 120% e giocate divertendovi!!!


Alla vigilia di un fine settimana importante troviamo l'occasione per fare due chiacchiere con Luigi Raffaele Coulibaly, classe 94' lo scorso anno qui da noi in foresteria.
Ciao Gigi come stai e come proseguono gli impegni con la scuola ed il basket?
Bene, bene. Riesco a conciliare ambedue le cose anche con ottimi risultati.
Nella foto scattata dopo un allenamento a Torre si nota che indossi ancora la casacca Pool. Come sei stato lo scorso anno a Loano ed a quali ricordi sei più legato?
Lo scorso anno sono stato benissimo. Lo staff era preparatissimo ed efficacissimo. Devo ringraziare coach Costagliola che mi ha assistito e sopportato sempre con grande pazienza. I ricordi sono tanti, per quanto riguardo il lato sportivo ricordo con piacere l'esordio con la squadra under 15 e l'esperienza all'interzona under 17 a Pistoia. Sul profilo umano i ricordi più belli invece sono legati alla famiglia Volpi che mi ha accolto nella loro casa come se fossi un terzo figlio, alla famiglia Cacace e Ferrari. Come dimenticare poi Stefano il Presidente, la disponibilità ed il suo affetto nei miei confronti cosi come Cheik, Rudy, Riccardo e Davide con cui condividevo l'alloggio e sono da me considerati come dei fratelli.
Siamo alla vigilia di due importanti appuntamenti per la società: la semifinale di ritorno della serie C e l'interzona degli under 17, cosa ti senti di dire ai tuoi ex compagni?
Devono dare il 120% dell'impegno e sopratutto di divertirsi e giocare senza pressioni. Vorrei dire che sono vicino a loro con il pensiero anche se sono lontano fisicamente perchè a Torre del Greco.
Grazie Gigi, la tua simpatia è ancora nei ricordi di tutti cosi come l'impegno con cui affrontasti la scuola ed il basket a Loano, riuscendoli a conciliare perfettamente, viene citato spesso come esempio dal nostro staff tecnico.
Sei sempre uno di noi e ti aspettiamo qui presto...magari per vedere una finale, quella promozione, del tuo grande fratellone Cheik!!!

lunedì 10 maggio 2010

Sarzana ancora fatale per il Pool.

Serie C Liguria - Semifinale Gara 1

Azimut Basket Pool 2000 Loano-Sarzana 49-66 (19-15; 8-17; 12-14, 10-20)

Basket Pool Loano:
Cainero, Ciarlo 13, Di Palma, Bussone 2, Mangione 4, Bovone 7, Scala 15, Volpi 2, Penè 6, Mozzi All. Costagliola Ass. All. Guarnieri-Costa
Sarzana:
Barbieri n.e., Arena, Rocca 6, Stagnari n.e., Moreno 27, Dell'Innocenti 11, Tesconi 7, Bertoloni 2, Larconetti 12, Travaglio n.e. All. Gallerini Ass. All. Giannetti

Arbitri: Bracco-Metti

Sarzana si rivela ancora bestia nera per i colori bianconeri ed espugna al termine di una gara equilibrata e giocata sul filo della tensione il palazzetto di Via Matteotti, portando sull'1 a 0 la serie di semifinale playoff. Era da Novembre che i ragazzi di coach Costagliola non perdevano tra le mura amiche ed anche allora ad uscire vincenti furono Moreno e compagni.
I loanesi sono partiti con il piglio giusto, concentrati ed attenti in difesa e rapidi in attacco. Al canestro di Bovone era bravo a replicare Larconetti per gli ospiti poi era primo strappo Pool con 6 punti di Scala in contropiede a concretizzare le preziose assistenze di Bovone e Mangione. Un canestro di quest'ultimo siglava il 12-4 che costringeva gli ospiti al primo time out. I sarzanesi optavano per la classica difesa a zona adeguata ma i bianconeri riuscivano a fronteggiarla con equilibrio e sapienza. Moreno, tuttavia, iniziava a trovare la retina ed il primo quarto si chiudeva sul 19-15 per i locali. Il giro di rotazione dalla panchina per coach Costagliola questa volta dava pochi frutti ed i bianconeri lentamente si spegnevano nel secondo parziale, Penè veniva sanzionato con il secondo fallo e veniva richiamato in panchina. Ne approfittava Dell'Innocenti, in assenza dello stopper di colore, a trovare i suoi primi canestri in penetrazione. Il primo tempo si chiudeva sul 27-32 per gli ospiti.
La ripresa si apriva con un canestro di Moreno - tenuto abilmente a nove punti nei primi due quarti dall'ottimo lavoro svolto da Scala e compagni - ed era proprio il giovane classe 93' con una tripla a replicare all'argentino (34-31) . I loanesi si riaccendevano e pur continuando ad avere percentuali pessime dall'arco contro la zona biancoverde riuscivano con Penè e Scala a trovare punti a rimbalzo offensivo (39-41). Erano una tripla di Dell'Innocenti ed un canestro di Rocca su penetrazione a distanziare ancora i locali sul 39-46 in chiusura di quarto. Due canestri di Ciarlo in avvio di ultimo quarto riavvicivano i locali (43-46) e la situazione di sostanziale equilibrio durava sino a cinque minuti dalla fine quando la guardia argentina Moreno diventava assoluto protagonista dell'incontro con 14 punti e quattro triple scagliate dagli 8 metri abbondanti. I giovani bianconeri, apparsi anche stanchi e leggermente scarichi per i tanti impegni compressi, poco potevano rispetto a tale situazione ed erano costretti ad alzare bandiera bianca per la terza volta in stagione dinanzi alla compagine sarzanese. La partita si chiudeva sul 49-66 per gli ospiti. La serie si sposta a Sarzana, i ragazzi di coach Gallerini avranno due match point a disposizione per chiudere la storia. Appuntamento per il primo di questi è per Sabato 15 Maggio alle ore 18.30 a Sarzana, per i loanesi la strada adesso è veramente in salita.

Programma Settimana 10 Maggio - 16 Maggio


domenica 9 maggio 2010

Under 15 Campioni : Le immagini della gara e della festa.


Le immagini delle più belle azioni della gara e della festa bianconera sulle note di Sogna, ragazzo sogna di Roberto Vecchioni.

video

Gli Under 15 si laureano Campioni Regionali e conquistano il terzo titolo giovanile della stagione!!!


Finale Under 15 Open - Gara 2

G.S. Granarolo - Pool 2000 Loano : 64/73 (14\20 - 18\20 - 18\14 - 14\19)

G.S. Granarolo : Galdiero 11, Lovati, Pera 12, Battioni 6, Di Gennaro, Baldini 4, Paloscia 6, Bianco 9, Baiardo 16. All. Di Stasio Ass. Carraro

Pool 2000 Loano : Tulumello N.E., Bedini 8, Lagana' 13, Cacace 2, Cerutti 12, Malco 2, Minazzo N.E., Prato 20, Garofalo N.E., Kotopulis Ostinelli, Servillo 16. All. Prati Ass. Bortolotti – Costa

Nella cornice del PalaCrocera, tana delle G rosse del Granarolo, la squadra U15 del Pool 2000 conquista una sudata ma meritata vittoria che vale anche la conquista del terzo titolo regionale per la società del presidente Dellacasa. I campioni uscenti del Granarolo si presentano con l’assenza di Mantovani che nella gara di andata era stato decisivo nella rimonta ospite e variano il quintetto di avvio rinunciando alla coppia di lunghi per avere maggiore pericolosità sul perimetro. Il Pool conferma il quintetto di gara 1 con Laganà sulle tracce di Bianco e con un buon inizio prende subito la testa della partita con i canestri di Servillo, Malco, Prato e Bedini. La squadra di casa non trova la via del canestro, si innervosisce per alcune decisioni arbitrali venendo sanzionata anche di un fallo tecnico e lascia scappare sul +12 gli ospiti che riescono a mantenere il controllo del ritmo malgrado qualche ingenua palla persa su situazione di pressione dei locali. Un paio di sanguinose palle perse ospiti e un canestro da 3 di Bianco allo scadere del quarto fissano il punteggio sul 20-14 loanese al termine del primo quarto. Il secondo quarto vede la partita proseguire in sostanziale equilibrio con Servillo e Kotopulis a battagliare sotto i tabelloni con i genovesi Paloscia e Battioni mentre le due squadre si scambiano i canestri con il Granarolo che fatica a difesa schierata ma trova spesso canestri in campo aperto e nelle situazioni rotte con Pera e Baiardo riavvicinandosi a -2. I bianconeri invece riescono finalmente a sfruttare alcune situazioni in campo aperto mentre a difesa schierata sono Prato e Servillo a finalizzare buone circolazioni di palla. All’intervallo il Pool è avanti di 8 punti ma la partita appare in grande equilibrio. Al rientro dalla pausa lunga si riparte con alcuni minuti che vedono un tentativo di allungo del Pool seguiti da un forcing del Granarolo che trascinata da Galdiero e Baiardo raggiunge per la prime volta i loanesi a quota 48. Come nella gara di andata c’è subito le reazione dei bianconeri, prima risponde Prato in contropiede ma Baiardo riporta in parità i suoi, quindi dopo un timeout per riparare i 24” è Servillo che con due canestri riporta gli ospiti al +4 di fine tempo. Cerutti protagonista ad inizio del quarto finale con un assist per Servillo, una penetrazione che trova il 4° fallo di Bianco e un canestro da sotto riportano il Pool a +9 con la difesa che tiene a secco i locali per più di 5 minuti. A 4 e 25 dal termine, con i loanesi a +12 grazie ad una canestrissimo di Cacace, il Granarolo non ha ancora segnato nel quarto e Bianco commette il quinto fallo in attacco. La partita sembra chiusa ma i mai morti genovesi rubano subito un pallone e sembrano poter provare a rientrare in partita. L’immediato time out permette di riprendere la concentrazione, una stoppata di Servillo un canestro di Prato ed un gioca da 3 punti di Cerutti a suggello di una preziosa partita portano il Pool a +15 e i minuti finali permettono al Granarolo di ridurre lo scarto finale. “E’ stata una serie molto difficile sia per il valore degli avversari, a cui vanno i miei complimenti per il carattere dimostrato in entrambe le partite, sia perché nel corso della stagione abbiamo spesso dimostrato la difficoltà a rimanere concentrati a lungo. In questa seconda partita abbiamo limitato gli errori, tutti i giocatori hanno portato il loro contributo ed anche quelli che non sono stati impiegati non hanno fatto mancare l’incitamento dalla panchina. Qualche progresso è stato fatto, molti sono ancora da fare e i primi di Giugno la fase interregionale nel Lazio ci permetterà di confrontarci con realtà molto forti come i campioni piemontesi del Kolbe Torino e i vice campioni emiliani del Jato San Lazzaro che curiosamente sono già state da noi incontrate durante l’anno in occasione di tornei in cui siamo stati loro ospiti.”


venerdì 7 maggio 2010

Domenica alle ore 18.00 tutti al palazzetto, c'è una finale da conquistare!

Si apre un week end importante in casa Pool.
Smaltita la parziale amarezza per le finali nazionali Under 19 sfuggite di un soffio e messa in cascina la prima gara della serie finale per gli atleti di coach Prati, il fine settimana si apre con la possibilità per quest'ultimi di aggiudicarsi il quarto titolo stagionale nella gara di ritorno, considerando anche la vittoria nel Join the Game per gli under 14.
Palla a due alle ore 18.30 al Palacrocera di Genova, bisognerà fronteggiare la voglia di rivincita e l'assedio dei genovesi del Granarolo, una squadra dalle importanti doti fisiche e caratteriali che in casa propria tende a trasformarsi. Nel girone di ritorno i loanesi violarono con facilità il palazzetto di via dell'Eridania ma questa volta sarà sicuramente diverso. Nessuna complicazione fisica riscontrata nell'allenamento del giovedi, gradualmente sta salendo la tensione per Prato e compagni cosi come il desiderio di seguire la sorte dei "fratelli" più grandi dell'under 19 ed under 17, vittoriosi nelle categorie di appartenenza. In palio, oltre alla simbolica coppa, il biglietto per l'interzona che si svolgerà nel Lazio agli inizi di Giugno.
Trascorso il sabato tutti i riflettori torneranno ad esser puntati sulla serie C del trio Costagliola-Guarnieri-Costa che alle ore 18.oo di Domenica inizierà tra le mura amiche la serie di semifinale contro Sarzana. I sarzanesi, dopo aver perso gara 1 64-62 fuori casa, sono riusciti a ribaltare la serie dei quarti di finale contro Rapallo chiudendo gara 3 con il punteggio di 83-70. La squadra di coach Gallerini in campionato è arrivata seconda alle spalle della capolista Follo con lo score di 21 vinte e 4 perse, frutto di un percorso quasi perfetto negli scontri diretti con le prime quattro ( sconfitta solo a Follo alla quarta giornata) ma alterno con le squadre di seconda fascia ( sconfitte a Rapallo, ad Imperia e contro Granarolo). I biancoverdi sono squadra esperta e dall'enorme talento offensivo che ruota interamente sull'asse play-guardia Dell' Innocenti -Moreno. Specialmente la guardia argentina , quando è in serata di grazia, diventa un giocatore quasi impossibile da marcare e sicuramente di almeno due categorie sopra la serie. Completano il quintetto il temibile tiratore mancino Tesconi ed i due lunghi Bertoloni e Larconetti capaci di assicurare la doppia dimensione interna -esterna alla squadra del Presidente Zucchini. Dalla panchina esce Davide Rocca, ex di turno, a cambiare gli esterni e gli interni nel più classico ruolo di sesto uomo.
Nei due incontri di regular season i bianconeri furono in entrambe le occasioni asfaltati dai sarzanesi ma adesso può esser un'altra storia. I loanesi arrivano all'appuntamento sulla scia dell'ottimo quarto di finale disputato contro Granarolo, due vittorie secche che aggiunte alle cinque di fine campionato hanno portato a sette la serie consecutiva per i ragazzi di coach Costagliola.
Ed è proprio il tecnico sorrentino a presentarci questa serie di semifinale:
"Come nei quarti partiamo da sfavoriti. Alla pari della serie precedente non è il fattore campo a concedere questo vantaggio agli altri ma bensi' l'esperienza e la qualità di cui gli uomini di coach Gallerini dispongono. In stagione regolare siamo usciti sconfitti nettamente sia in casa che fuori e questa situazione assicura un vantaggio psicologico ai biancoverdi indubbio. E' una squadra che noi soffriamo per il gioco che attua e per il ritmo che impone al match, ha grande talento e ottime capacità offensive di lettura. Detto questo vogliamo assolutamente provarci. Lo sport, cosi come la vita, ti dà spesso la possibilità di avere delle rivincite e per questo motivo dobbiamo esser contenti di aver ritrovato loro in semifinale. Se il loro obiettivo dichiarato è la promozione, il nostro è la crescita ed il miglioramento dei giovani ed allora quale miglior occasione che ribeccare la squadra che per ben due volte ci ha preso a pallonate in faccia trattandoci come bamboccioni presuntuosi??"
Al palazzetto di via Matteotti si attende il pubblico delle grandi occasioni ed il calore degli affezionati potrà fare la differenza in questa prima gara della serie trascinando i giovani loanesi ad una missione quasi impossibile!

giovedì 6 maggio 2010

Al Pool l'atto primo della finale under 15. Sabato al Palacrocera di Genova la possibilità di alzare la terza coppa stagionale!

Camp.U\15 M. Girone Open (Finale)

Pool 2000 Loano - G.S. Granarolo : 71\65 (17\9 - 36\24 - 54\38)

Pool 2000 Loano: Tulmello N.E., Bedini 2, Lagana' 12, Cacace 4, Cerutti 7, Malco 14, Minazzo N.E., Spandonari N.E., Prato 25, Garofalo N.E., Kotopulis Ostinelli, Servillo 7. All.Prati Ass. Bortolotti - Guarnieri

G.S. Granarolo : Mantovani 10, Galdiero 11, Lovati N.E., Pera 11, Battioni 4, Baldini 2, Paloscia 5, Bianco 15, Baiardo 7. All.Di Stasio Ass. Carraro

Vittoria del Pool in gara 1 della finale U15 ma che paura per la grande prova di carattere dei ragazzi di Genova che rientrano da -16 a inizio quarto quarto sino al +1 a 2 e 30 dalla fine. Inizio di marca Pool con la difesa che contiene le iniziative avversarie e compensa la scarsa vena realizzativa anche quando venivano scelte buone soluzioni di tiro. La difesa a tutto campo permette alcuni recuperi non sempre finalizzati ma le iniziative di Malco, il lavoro sotto i tabelloni di Servillo e un canestro da 3 di Prato su un accenno di zona del Granarolo mantengono il Pool avanti. Secondo quarto sulla falsariga del primo con Granarolo che fatica a difesa schierata ma trova importanti punti in contropiede e con iniziative di Pera mentre il Pool non punge in contropiede ma a difesa schierata circola bene la palla con altre due triple di Prato che serve anche assist a Cacace e Cerutti. A inizio terzo quarto il Pool prova a scappare via con buone iniziative di Bedini ma regala ancora contropiedi al Granarolo (strano …) che resta aggrappato alla partita ma Prato e Servillo (malgrado la pessima percentuale ai liberi) mantengono il vantaggio del Pool che spreca più volte la possibilità di andare sopra i 20 punti di vantaggio con Laganà e Malco. Si entra nell’ultimo quarto con Prato in panchina a rifiatare e il Pool che accusa la fatica. Il Granarolo non si fa pregare e con grande cuore inizia una progressiva rimonta con protagonisti Mantovani due rimbalzi offensivi più un coast to coast, Bianco con due triple fuori ritmo e Pera con un canestro in allontanamento. Il Pool cerca di mantenere un piccolo vantaggio ma quando a poco più di due minuti dal termine Galdiero sigla in contropiede il 65-64, primo vantaggio del Granarolo dopo il 2-0 iniziale, la partita sembra pendere dalla parte degli ospiti. Il time-out loanese permette di riprendere un po’ di coraggio e Malco è bravo a guadagnare due tiri liberi mandati a bersaglio riportando avanti i bianconeri. La difesa locale torna ad essere attenta e non concederà più punti al Granarolo mentre in attacco una penetrazione di Cerutti a coronamento di una generosa prestazione e il canestro del +5 di Laganà permettono di portare a casa una vittoria che prima sembrava acquisita e poi persa. Sabato alle 18.30 al PalaCrocera gara 2 e sarà sicuramente necessario ai loanesi di riuscire a mantenere la concentrazione e l’intensità per 40 minuti per evitare di riportare a Loano la serie.

mercoledì 5 maggio 2010

Vittoria amara per gli Under 19. Non riesce la "remuntada" ed alle finali nazionali vola Pavia!


Concentramento Interzona San Severino Marche -3° giornata


Azimut Basket Pool Loano - Nuova Pallacanestro Pavia 74-73 (30-21; 45-37; 59-51; 74-73)


Basket Pool 2000:
Cainero 10, Ghiretti 4, Tassara n.e., Di Palma 8, Bussone 4, Mangione 16, Costantino n.e., Scala 22, Rotolo n.e., Cascone 3, Morana 5, Guida n.e., All.Costagliola Ass. All. Costa

N.P.Pavia:
Virelli, Mascherpa 21, Molaro 24, Di Giulio, Migliorini, Fedegari, Nazha 17, Carrucciu 1, Maestri 2, Ikangi, Pino All. Rochlitzer Ass. All. Baudino

Non riesce l'impresa ai ragazzi bianconeri nell'ultima gara della tre giorni in terra marchigiana. All'arrivo al palazzetto di San Severino il parziale di metà tempo 31-21 a favore di Perugia nei confronti di Verona - in una partita priva di significato per la classifica finale - alimentava la speranza dei ragazzi di coach Costagliola di poter giocare alla pari il successivo match contro Pavia.
Nei concitati minuti finali, tuttavia, erano i veneti ad avere la meglio condannando i loanesi ad un severo handicap di -18 da ribaltare per conquistare il primo posto per differenza canestri nella classifica avulsa a tre con Pavia e Verona.
I bianconeri, motivati al massimo dall'occasione di riportare Loano e la Liguria ad una finale nazionale maschile a distanza di quattro anni dal gruppo 88' allenato da coach Prati, reagivano alla grande e sprigionavano tutta la tensione accumulata in un primo quarto spettacolare.
Una tripla di Nazha su azione in avvio allungava al punteggio virtuale di -21 l'handicap ma poi era monologo Pool. Una tripla di Cainero e sei punti di Di Palma accendevano i loanesi, due canestri di Cascone e Bussone siglavano il 14-5 e costringevano al time out i pavesi al terzo minuto di gioco. Era il muscolare ma tecnico interno Molaro a dare la sveglia ai suoi e tamponare il primo allungo. Dalla panchina, tuttavia, usciva fuori Luca Scala e l'ala subito si faceva sentire con rimbalzi, punti e una tripla a chiudere il 30-21 di primo quarto. Nemmeno il tempo di rifiatare e per i pavesi entrava in partita la temuta guardia Mascherpa, riportando i propri a -6. Erano ancora Scala e Mangione con due coast to coast a chiudere il primo quarto però sul 45-37. I pavesini approfittavano dell'intervallo per ritrovare ordine e partire bene nella ripresa con Molaro e Nazha (41-45) ma i ragazzi di coach Costagliola, indomiti, riaprivano i giochi prima con una tripla di Di Palma (41-48), poi con due canestri di Ghiretti. Un libero di Mangione chiudeva il break di 10-2 (43-55) che assicurava ai bianconeri il massimo vantaggio della gara ed avvicinava i propri all'obiettivo qualificazione. Una tripla di Molaro smorzava nuovamente il vantaggio (46-55) ma era soprattutto il 4° fallo fischiato a Scala a dare un duro colpo alle speranze loanesi. Il terzo quarto si chiudeva sul 59-51. Con le energie fisiche e mentali ridotte oramai al lumicino e dieci punti da recuperare lo staff bianconero chiedeva l'ultimo sforzo ai ragazzi e variava la difesa in una zona. La mano dei pavesi non tremava dalla paura ed una tripla di Nazha dall'angolo con le due mani di Ghiretti in faccia riportava i suoi al -3 (61-58) a sette minuti dalla fine . Erano ancora Scala e Mangione a voler trascinare i propri verso l'insperata rimonta ma i pavesi forti del vantaggio si rintavano in una difesa chiusa lasciando che la frustrazione dei bianconeri si schiantasse contro i ferri del Palasport di Via Ciarapica. Nell'ultimo minuto i bianconeri giocavano a cercare il pareggio con lo scopo di poter usufruire di altri cinque minuti supplementari per provare a recuperare ma a 10'' dalla fine sul 74-73 Fedegari, richiamato dalla panchina, giustamente falliva entrambi i liberi spegnendo definitivamente la fiammella bianconera ed accendendo viceversa la gioia dei compagni, dello staff e degli affezionati pavesi al seguito della squadra per il traguardo raggiunto.
Il dispiacere in casa Loano trova voce nelle parole di coach Costagliola, nella singolare situazione di dover commentare l'ennesima vittoria stagionale questa volta come una sconfitta:
"Il rammarico è tanto. Purtroppo l'esito della prima gara del concentramento con il -30 di Verona con Pavia ha sfalsato tutto il torneo, condizionando purtroppo anche il nostro approccio alla partita di ieri. Oggi abbiamo poco da recriminare, i ragazzi hanno dato l'anima provando a superare se stessi ed una situazione di svantaggio enorme. Eravamo vicini ad invertire il trend psicologico durante il corso della gara e trovare il miracolo, è mancato poco."

Per tutti i ragazzi impegnati nell'interzona adesso l'attenzione si dirige verso i prossimi impegni che vedranno la serie C affrontare Sarzana nella serie di semifinale e gli Under 17 prepararsi all'interzona di Cecina.
I pensieri di coach Costagliola già sono rivolti ai due nuovi obiettivi:
"Questa tre giorni è stata un'occasione di crescita collettiva, umana e tecnica, di notevole rilievo. Assieme al mio assistente Costa abbiamo deciso di preparare le partite al video analizzando gli avversari insieme ai ragazzi, facendoli diventare partecipi del piano tattico da attuare e non meri esecutori dello stesso. Tutti assieme abbiamo inoltre condiviso con medesimo sentire ogni tipo di emozione, dalla gioia alla paura, dalla rabbia alla tristezza, situazioni che hanno rafforzato e cementato i rapporti umani interni al gruppo. La certezza di una solidità ancora più forte costituisce la base per affrontare con fiducia un finale di stagione ancora lungo e stressante."

Ecco tutti i risultati del concentramento e la classifica finale:
1° giornata
Pavia-Scaligero Verona 78-48
Pool Loano-Perugia 66-43
2° giornata
Pavia- Perugia 64-54
Pool Loano-Scaligero Verona 63-68
3° giornata
Scaligero Verona- Perugia 55-49
Pool Loano-Pavia 74-73

Classifica:
1. Pavia 4 punti ( +29 diff. canestri)
2. Pool Loano 4 punti (-4 diff.. canestri)
3. Scaligero Verona 4 punti (-25 diff. canestri9
4. Perugia 0 punti

Nuova Pallacanestro Pavia qualificata per la final four nazionale under 19 B in programma a Bologna il 5-6 Giugno

Secco 2 a 0 contro l'Auxilium e la Bortolotti's Band arriva alle semifinali!

Quarti di finale Under 14 Open - Gara 1

Basket Pool Loano - Auxilium 83-60 (24-12, 40-27, 58-43, 83-60

Basket Pool Loano (83) Lanfranco 1,Vigneri 2,Cacace 26 ,Cerutti 16,Spandonari 17,Tortarolo ,Garofalo 21,Brunetto .
All: Bortolotti N

Auxilium (60) Rotas 3,Ferrando 2,Tripodi 4, Pugliese 2,Raggio 12,Grossi 6,Bartolucci 20,De Grandi 4,D'Amico ,Cruder 7.
All: Brignoli A

Quarti di finale Under 14 Open - Gara 2

Auxilium - Pool Loano 45-101 (10-28, 22-56, 29-83, 45-101)

Auxilium (45) Rosas 1,Ferrando 5,Tripodi ,Pugliese 4,Maccio 10,Grossi 11,Mael ,Bartolucci 8,De Grandi 1,D'Amico ,Cruder 5.
All: Brignoli A.

Pool Loano (101) Viola ,Mannino 2,Vigneri 2,Cacace 21,Cerutti 18,Spandonari 10,Treppo 4,Tortarolo 2,Garofalo 38,Brunetto 4,Vlashi.
All: Bortolotti N.

martedì 4 maggio 2010

Verona amara per i loanesi. Domani gara decisiva alle 12.00 per gli under 19, in palio un posto per le finali nazionali!!!

Concentramento Interzona Under 19 San Severino Marche - 2° Giornata

Azimut Basket Pool Loano 2000-Tezenis Verona 63-68 (19-14; 17-19; 9-12; 18-23)

Basket Pool Loano:
Cainero 5, Ghiretti, Tassara n.e., Di Palma 2, Bussone 15, Mangione 15, Costantino n.e., Scala 17, Rotolo, Cascone 3, Morana 6, Guida n.e. All. Costagliola Ass. All. Costa
Tezenis Verona:
Panni 23, Martini 2, Pacione 3, Costa n.e., La Porta 4, Mion 14, Santi 19, Cengiarotti, Dabi 1, Viviani, Rubele n.e., Zampieri n.e. All. Sordelli

Arbitri: Tosi-Santilli

Escono sconfitti nella seconda gara del concentramento interzona di San Severino Marche i ragazzi del duo Costagliola-Costa. Al termine di una gara molto fisica e dall'intensità notevole - la migliore di tutte quelle sin adesso disputate secondo gli addetti ai lavori - i bianconeri devono cedere le armi dinanzi alla maggiore prestanza ed esperienza dei veronesi di coach Sordelli.
I loanesi entrano in campo decisi e vogliosi di dare seguito al convincente successo del giorno precedente contro Perugia. E' capitan Bussone a suonare la carica con due triple in avvio ma i veneti a differenza del giorno prima, dove troppo presto avevan alzato i remi in barca, si dimostrano compatti ed uniti. Dal complesso veronese di coach Sordelli emergono le buone individualità del play Panni e della guardia Santi, sono loro a creare i maggiori grattacapi alla difesa bianconera. Il primo quarto si chiude sul 19-14 per i loanesi. Nella ripresa si accende Panni e con tre triple costringe coach Costagliola a variare la difesa. L'effetto non produce gli effetti sperati e i veneti trovano il massimo vantaggio sul 23-28. La difesa loanese torna a ruggire e da alcuni rimbalzi e palle recuperate si innescano i rapidi contropiedi di Scala e Mangione. E' il primo con una tripla a permettere ai propri di rimettere il naso avanti e chiudere il primo tempo sul vantaggio di 36-33. Nella ripresa coach Sordelli, con il chiaro obiettivo di calare il ritmo gara, opta per una zona dall'inizio, la panchina bianconera viceversa cerca di fare esattamente l'opposto. Ne esce fuori una gara combattuta punto a punto. Il terzo quarto si chiude in perfetta parità sul 45 -45. Nell'ultimo giro di lancette l'equilibrio permane sino a quattro minuti e mezzo dalla fine, il metro concesso dal duo arbitrale marchigiano favorisce la fisicità degli ospiti ed i bianconeri falliscono numerose occasioni da vicino canestro. I veronesi,viceversa, ne approfittano con Mion che diventa il match winner dell'incontro con dodici punti nell'ultimo quarto e sigla il massimo vantaggio sul 58-66 a due minuti dalla fine. I bianconeri, tuttavia, come loro abitudine non mollano e grazie ad un 5-0 provocato da una bomba di Mangione ed una rubata di Morana riaprono il match sul 63-66 ad un minuto dalla fine. Nell'azione successiva una penetrazione di Panni viene sanzionata con fallo ed il veneto dalla linea della carità fa 1 su 2. A quel punto è gioco facile per i veneti con un solo fallo fischiato in nove minuti di gioco dell'ultimo quarto ricorrere al fallo sistematico per mangiare tempo ai loanesi. La partita si chiude sul 68-63 per i veneti.
Al termine delle due giornate la situazione vede Pavia -uscita vincitrice per 69-59 dal match contro Perugia - a 4 punti, il Pool e Verona a 2 punti, Perugia a zero. Domani alle ore 10.00 inaugurerà la giornata Perugia contro Verona ed a seguire il match verità dei loanesi contro Pavia. Nell'ipotesi di vittoria di Perugia contro Verona la vincente della seconda gara arriverebbe prima e conquisterebbe l'unico posto disponibile per le finali nazionali del 5 e 6 Giugno. Viceversa, in caso di vittoria di Verona contro Perugia, i ragazzi cari al Presidente Dellacasa dovrebbero vincere con un margine di 18 punti per arrivare primi nella classifica avulsa a 3 con Pavia e Verona, un vero miracolo.

lunedì 3 maggio 2010

Esordio vincente per gli Under 19 contro Perugia. Domani alle ore 18.00 sfida alla Scaligero Verona.

Concentramento Under 19 Interzona San Severino Marche - 1° giornata

Azimut Basket Pool Loano - Liomatic Palazzetto Perugia 66-43 (15-18; 24-11; 18-10; 9-4)

Pool Loano:
Cainero 9, Ghiretti 2, Tassara n.e., Di Palma 7, Bussone 10, Mangione 10, Costantino n.e., Scala 24, Rotolo 2, Cascone 2, Morana, Guida n.e. All Costagliola Ass. All. Costa
Perugia:
Servillo 1, Vitalesta 8, Bufali, Serafini, Peccini, Cornicchia 11, Gagliardoni 5, Rimini, Tomassini 8, Scorsoni 2, Mencarelli 8 All. Tondini Ass. Brizzioli

Arbitri: Pierantozzi-Vittori

Buona la prima per i ragazzi cari al Presidente Dellacasa nel concentramento interzona di San Severino Marche. Nella seconda partita della giornata - in quella inaugurale una buona Pallacanestro Pavia ha liquidato facilmente Verona - i bianconeri soffrono per un quarto prima di scappare via nel secondo parziale. La tensione è palpabile in avvio per entrambe le squadre che si fronteggiano utilizzando la difesa a uomo. La guardia ospite Cornicchia conferma le sue doti di penetratore e sigla 8 dei primi 13 punti per i perugini mentre per i loanesi sono Cainero e Mangione con due triple a bucare la retina. I bianconeri, pur difendendo bene, patiscono l'energia dei lunghi ospiti e dopo una delle ennesime carambole conquistate a rimbalzo il play Vitalesta piazza la tripla del 15-18 per i suoi in chiusura di quarto.
Il primo giro di rotazioni dalla panchina per coach Costagliola offre i frutti sperati. Scala,partito da sesto uomo, inizia a raccattare punti su penetrazione ed a rimbalzo offensivo. Morana sostituisce egregiamente Pippo Cainero e Ghiretti dà il solito contributo di energia difensiva. La svolta dell'incontro arriva quando coach Tondini per i perugini passa a zona e lo staff loanese lo imita quasi in simbiosi. I perugini faticano a trovare vantaggi in penetrazione e tiri aperti dal permitro, il temuto pivot Mencarelli viene limitato ed il Pool scappa via con rapidi contropiedi. A due minuti dalla fine del quarto altre due triple di Cainero e Mangione, rientrati freschi dal riposo in panchina, siglano l'allungo sino al 39-29 di fine primo tempo. Nella ripresa la musica non cambia, i loanesi continuando ad insistere con l'arma tattica della zona mentre i perugini cercano di variare le soluzioni difensive per rientrare in gara. Cascone è bravo a trovare un canestro in penetrazione e provocare il quarto fallo di Mencarelli, capitan Bussone inizia ad abbinare la solita energia positiva ad efficacia e concretezza sotto canestro segnando 6 punti nel quarto. Il collettivo bianconero gira a mille ed aumenta il vantaggio chiudendo il parziale sul 57-39. La partita perde di intensità nell'ultimo giro di lancette, i perugini provano senza risultato a riaccendere la gara aumentando la pressione difensiva ma i ragazzi di coach Costagliola controllano il ritmo senza accellerare, ne esce fuori un quarto abulico dal punto di vista offensivo ma che fa il gioco del Pool che chiude senza alcun problema l'incontro.
Le teste dei ragazzi sono già rivolte alla gara di domani quando alle ore 18.00 sfideranno i veneti della Tezenis Verona, sorprendemente battuta con largo margine dalla Pallacanestro Pavia all'esordio.

domenica 2 maggio 2010

Ciarlo e compagni liquidano Granarolo e raggiungono la semifinale!

Quarti di finale Serie C Liguria - Gara 2

Azimut Basket Pool 2000 Loano - Granarolo Genova 85-78 (18-16; 21-15; 27-18; 19-29)

Basket Pool 2000 Loano:
Cainero 7, Ciarlo 20, Di Palma n.e., Bussone 4, Mangione 13, Bovone 11, Scala 9, Volpi 14, Penè 2, Mozzi 4 All. Costagliola Ass. All. Guarnieri-Costa

Granarolo Genova:
Calabrese 13, Mortara 19, Cicarelli 2, Pestarino, Ardini 16, Grasso 5, Parentini 16, Bernardello, Camia 5, Casanova All. Caorsi Ass. All. Pitzalis

Il Pool supera abbastanza agevolmente in gara 2 il Granarolo Genova ed approda alle semifinali dove attende la vincente nella bella della serie tra Sarzana e Rapallo.
Coach Costagliola recupera , grazie all' ottimo lavoro svolto in queste due settimane dal fisioterapista Pulino, Teo Volpi per l'occasione mentre sull'altra sponda coach Caorsi lascia fuori Landi per fare spazio a Grasso.
Davanti ad una buona cornice di pubblico il match inizia con i canestri di Mortara da un lato e di Penè su schiacciata per i loanesi ma le due squadre nei primi minuti di gioco si studiano quasi come due pugili pronti a suonarsele all'improvviso.Il Pool trova i primi punti anche di Bovone e Scala mentre sul versante opposto Parentini si conferma rebus insolubile per la difesa bianconera. I due arbitri percepiscono la tensione nell'aria e dirigono con molta fiscalità cosi ne esce fuori un primo quarto dal ritmo leggermente basso, l'inverso del match dell'andata, che si chiude sul 18-16 per i padroni di casa. Due triple consecutive di Mangione e Volpi scavano il primo solco tra le due compagini ad inizio secondo quarto (26-18) ma prima è bravo l'esperto pivot Grasso a raccattare canestri su rimbalzo offensivo poi è Calabrese micidiale nel concretizzare i vantaggi costruiti dai compagni. Un ottimo Mozzi non fa rimpiangere Penè , gravato di due falli dopo pochi metà del primo quarto, ed una sua correzione a rimbalzo offensivo fa alzare in piedi tutta la panchina loanese (34-27) Una tripla di Cainero ed un canestro su penetrazione di Ciarlo chiudono il primo tempo sul 38-31 per i locali. Nella ripresa partono immediatamente bene i ragazzi di coach Costagliola che in un amen piazzano un 9 a 0 di parziale e volano sul 47-31 grazie a due azioni da tre punti di Scala e Cainero. Le " G rosse" non ci stanno ed affidano la replica ad Ardini, autore dei primi 9 punti per i suoi in avvio di quarto (51-38). Ciarlo prende per mano i compagni e comincia ad affettare con le sue penetrazioni la difesa biancorossa, il match sembra lentamente scivolare verso la sponda loanese ma Penè viene sanzionato con il terzo e quarto fallo, Mozzi al secondo giro di rotazione viene colpito a rimbalzo ed è costretto ad uscire e lo staff tecnico bianconero si trova senza i due pivot di riferimento. Ne approfitta Mortara che, in assenza dei due totem bianconeri, ha gioco facile con le sue penetrazioni (55-43). Coach Costagliola tampona in difesa con la zona mentre in attacco si accende Bovone che prima con una tripla e poi con un'azione da tre punti segna nuovamente le distanze con gli ospiti. Una tripla ignorante di Volpi ed un canestro ancora di Ciarlo chiudono il quarto sul 66-49. I bianconeri controllano agevolmente il match sino a quattro minuti dal termine superando gli ostacoli delle difese miste disseminate lungo il percorso da coach Caorsi. I genovesi però hanno sette vite e Mortara ed Ardini non ci stanno a chiudere l'anno senza lottare sino al termine. Una sfuriata del primo, autore in due minuti di dieci punti consecutivi, porta i suoi sotto le dieci lunghezze di vantaggio. Le mani dei bianconeri diventano improvvisamente gelide dalla linea della carità, 2 su 8 negli ultimi due minuti di gara, e cosi una tripla di Ardini riapre parzialmente i giochi ad un minuto dalla fine (83-78). Il tempo per lo staff tecnico bianconero di parlarci su in una sospensione, rassenerare i propri ragazzi e permettere di portare a casa senza ulteriori patemi l'incontro.

La truppa bianconera non avrà molto tempo per gioire che domani si riparte.
La carovana bianconera con appuntamento alle ore 13.00 partirà, infatti, alla volta delle Marche dove da Lunedi cercherà di agganciare l'unico posto disponibile per le finali nazionali Under 19 categoria B. L'esordio è previsto nella giornata di lunedi alle ore 17.00 contro Perugia, le altre concorrenti saranno Nuova Pallacanestro Pavia e Scaligero Basket Verona.

sabato 1 maggio 2010

Highlights Finale Under 17: le immagini della gara di ritorno a Genova.

Nel video le immagini delle azioni salienti della gara di ritorno della finale regionale Under 17 .

video

Gli Under 17 si confermano campioni regionali battendo 91-86 in gara 2 un grandissimo Athletic Genova!!!

Finale Regionale Under 17 - Gara 2

Athletic Genova-Azimut Basket Pool Loano 86-91(20-21;42-40;57-62)

Athletic: Zustovich 21, Gonella 4, Villa 5, Arnulfo 2, Manuelli 22, Renzone 18, Pittaluga 16,
Chiossone, Torrini, Negrini, Bassoli, Silvotti. All:Pansolin -Ravera

Pool Loano : Ferrari, Prato 4, Bedini, Tassara 6, Ghiretti 2, Servillo 8, Delfini 2, Rotolo 2, Cascone 6, Morana 23, Scala 34, Guida. All. Costagliola.
Arbitri : Castagnaro-Empoldi
Il Pool esce vincente dal derby delle consociate e si aggiudica per la seconda volta consecutiva il titolo regionale della categoria Under 17. A distanza di poco più di tre settimane, i ragazzi cari al Presidente Dellacasa bissano il successo dell'Under 19 e conquistano in tal modo il lasciapassare per l'interzona di Cecina del 21-22-23 Maggio dove si giocheranno l'accesso alle finali nazionali contro la Pepsi Caserta, la Fortitudo Bologna ed il Sistema Basket Pordenone.
Per i genovesi, viceversa, la possibilità di arrivare nelle prime 32 d'Italia dipenderà dall'esito dello spareggio che li vedrà opposti alla Rimadesio Desio il 13 Maggio a Moncalieri.
Davanti ad una buona cornice di pubblico che ha reso colorato e caldo il tetro e freddo Palacus di Viale Gambaro, i bianconeri di coach Costagliola hanno dovuto soffrire oltre il previsto per avere la meglio sulla squadra genovese, protagonista di una prestazione superlativa e da encomio per l'impegno profuso e la qualità del gioco mostrato.
L'incontro si apriva con un canestro di Delfini ben assistito da Morana (0-2) ma era subito Renzone per i locali ad accendersi. I loanesi da subito provavano a scappare via grazie alle iniziative di Morana (6-10) e Scala (8-12) ma i tentativi venivano rintuzzati dai rapidi canestri del piccolo Zustovich, sempre cercato dai compagni in contropiede (12-12). Un canestro di Ghiretti , entrato dalla panchina assieme a Cascone per dare energia e ritmo, dava il massimo vantaggio sul 12-17 ma l'elastico tra le due squadre proseguiva sino alla fine del primo quarto quando un canestro di Morana segnava il 20-21 per gli ospiti.
In avvio di secondo parziale l'inerzia della gara sembrava poter prendere la strada di Genova con Manuelli abile nel siglare in arresto e tiro ( 29-27) ma era l'ultimo acuto prima di un parzialone loanese di 13-4 chiuso da una tripla di Morana in transizione (33-40). A due minuti dalla fine coach Costagliola tirava fuori Scala per preservarlo dal terzo fallo e senza il proprio leader offensivo i bianconeri subivano un controparziale di 9-0 in chiusura di tempo che mandava in visibilio il pubblico genovese e permetteva ai ragazzi di coach Pansolin di andare negli spogliatoi all'intervallo avanti di due lunghezze (42-40).
Era baby Prato ad impattare la gara (42-42) con un arresto e tiro in avvio di terzo quarto ed i loanesi subito dopo trascinati dall'asse Morana-Scala volavano via verso un nuovo vantaggio. Una tripla di capitan Tassara dall'angolo al termine di un'azione giocata magistralmente siglava il 55-62, nuovo massimo vantaggio per gli ospiti ad un minuto dalla fine del terzo parziale che si chiudeva sul 57-62.
Nell'ultimo giro di lancette era sempre la premiata ditta di guardie Zustovich- Renzone a tenere a galla con le proprie iniziative funamboliche i propri compagni (63-68). I genovesi nel tentativo di alzare ancor di più il ritmo del gioco allungavano costantemente la propria difesa -press ma i bianconeri si dimostravano abili e preparati a superare l'insidia con Scala (63-70). I ragazzi di coach Costagliola accusavano però un calo di energia, Rotolo e Ghiretti pativano le fatiche della partita giocata 48 ore prima e si rendevano autori di banali palle perse, ne approfittavano nuovamente i genovesi per farsi sotto grazie ad una bomba del solito Zustovich (70-73). Lo staff tecnico loanese pescava un jolly dalla panchina dal nome Gaetano Servillo, classe 95' da Torre Annunziata Il lungo bianconero si ergeva a protagonista degli ultimi sei minuti di gara, facendo sentire la propria presenza in difesa e diventando cinico terminale in attacco degli scarichi dei compagni (70-77). Uno spettacolare canestro di Scala su tap-in volante siglava il 70-79 ed incalanava definitivamente la gara verso i binari di Loano ma erano Pittaluga e Manuelli ancora a resistere e trovare per ben due volte azioni da tre punti su penetrazione. A due minuti dalla fine era questo però l'ultimo sussulto per i genovesi che dovevano ammainare bandiera bianca rispetto alla maggiore forza fisica dei propri "cugini" più grandi. Il match terminava con il fraterno abbraccio dei giocatori sul campo e l'applauso del correttissimo pubblico rivolto ad entrambe le squadre a centrocampo.
Coach Costagliola commenta con entusiasmo a fine gara:
" In primo luogo i miei complimenti più sinceri a tutto lo staff dell'Athletic, allenatori e ragazzi, che hanno dato l'anima in campo mostrando enorme compattezza d'insieme e fungendo da sprone per noi a fare meglio.
Per tanti motivi questa seconda vittoria stagionale è più bella della prima.
Vincere da favoriti è più difficile e bisogna dare merito ai miei di aver raggiunto questo obiettivo superando questa pressione e tante vicissitudini.
E' stato un anno difficile per questo gruppo.
Gli infortuni che hanno penalizzato alcuni atleti e gli impegni di altri con le prime squadre sia a Loano che a Vado Ligure hanno negato tanto tempo al lavoro collettivo. I ragazzi hanno poi dovuto superare non senza problemi il distacco da coach Spedaliere, loro maestro per 3 anni consecutivi.
Oggi è un' ulteriore prova che questi ragazzi, prossimi oramai a diventare uomini, se sincronizzano i battiti dei loro cuori possono fare grandi cose. Adesso andiamo a Cecina con umiltà e consapevolezza dei nostri limiti ma con tanta voglia e l'obiettivo di superarci. Bisogna credere ai propri sogni, nello sport e nella vita sono loro ad indicarci il cammino...sempre!!!
Dalla sponda genovese mostra eguale soddisfazione coach Giovanni Pansolin:
"E ' stato molto bello veder sfidarsi in finale due squadre che appartengono allo stesso progetto tecnico. Sono orgoglioso della prova dei miei che hanno rimediato in tal modo alla brutta figura fatta in gara 1 ed hanno cosi dimostrato di meritare questa finale.
Adesso sotto con lo spareggio di giovedi 13 a Moncalieri contro i vicecampioni d'Italia Under 15 dello scorso anno della Rimadesio Desio."